Spoleto, 11 e 12 ottobre 2019: Compleanno del Circolaccio Anarchico e presentazione del libro “Dalle Apuane alle Green Mountains. Anarchismo ed anarchici tra Carrara e il Vermont (1888-1910)”

Spoleto, 11 e 12 ottobre 2019: Compleanno del Circolaccio Anarchico e presentazione del libro “Dalle Apuane alle Green Mountains. Anarchismo ed anarchici tra Carrara e il Vermont (1888-1910)”

Segnaliamo questa iniziativa di due giorni che si terrà a breve a Spoleto. In particolare, il 12 ottobre, all’interno di queste due giornate, si terrà una presentazione dell’ultimo libro pubblicato dalle Edizioni Monte Bove: Dalle Apuane alle Green Mountains. Anarchismo ed anarchici tra Carrara e il Vermont (1888-1910), di Gino Vatteroni. A seguito della presentazione ci sarà una discussione. Riportiamo qui di seguito il programma delle due giornate.


11 e 12 ottobre 2019
Compleanno del Circolaccio Anarchico

Venerdì 11 ottobre

Ore 17.30 – Discussione: Venerdì senza futuro. Questa società non è in grado di evitare la catastrofe.

Discutiamo dell’attuale disastro ecologico in corso, della distruzione e dello sfruttamento della terra, dei movimenti riformisti che (solo apparentemente) vi si oppongono e delle innovazioni tecnologiche e scientifiche che proseguono senza alcun riguardo verso le conseguenze sociali ed ecologiche.

Ore 20.30 – Cena.
Ore 23.00 – Serata tekno con Beeffo + Roberto Valentini + altri ospiti speciali.

Sabato 12 ottobre

Ore 13.00 – Pranzo.
Ore 14.00 – Discussione: Lo stato dell’arte dell’anarchismo.

In quali condizioni versano oggi l’anarchismo e, nello specifico, il movimento anarchico?

Ore 17.30 – Discussione: Il Grande conflitto mediorientale. Ne parliamo con un compagno del circolo di origini iraniane.

E’ possibile un movimento rivoluzionario in Medio Oriente autonomo da tutti i governi e da tutti gli interessi in gioco? Come rilanciare l’azione internazionalista fuori da ogni fronte, da ogni campo che non sia quello della guerra degli sfruttati agli sfruttatori?

Ore 20.00 – Cena.
Ore 21.00 – Presentazione del libro “Dalle Apuane alle Green Mountains. Anarchismo ed anarchici tra Carrara e il Vermont (1888-1910)” (Edizioni Monte Bove, 2019). Presentazione a cura dell’autore, Gino Vatteroni. A seguire discussione.

«Quella che va Dalle Apuane alle Green Mountains è una storia corale, collettiva. La storia di centinaia di sfruttati, di anarchici, costretti dalla fame e dalle persecuzioni all’emigrazione. Sono sopratutto i quasi mille nomi che riempiono queste pagine i veri protagonisti. Gli emigranti, i perseguitati, gli operai. Quei cavatori e scalpellini che sono diventati combattenti e scrittori, che si sono innalzati, per usare le parole con cui l’autore intitola l’appendice, dalla subbia alla penna».

Ore 23.30 – Serata elettro dub.

Circolaccio Anarchico
viale della repubblica 1/A – quartiere S. Nicolò – Spoleto
e-mail: circolaccioanarchico[at]inventati.org

Spoleto, 12.10.2019: Presentazione del libro “Dalle Apuane alle Green Mountains. Anarchismo ed anarchici tra Carrara e il Vermont (1888-1910)”

Segnaliamo che il 12 ottobre a Spoleto, durante le giornate previste in occasione del compleanno del Circolaccio Anarchico, si terrà una presentazione dell’ultimo libro pubblicato dalle Edizioni Monte Bove: Dalle Apuane alle Green Mountains. Anarchismo ed anarchici tra Carrara e il Vermont (1888-1910), di Gino Vatteroni. A seguito della presentazione ci sarà una discussione. Riportiamo qui di seguito il programma delle due giornate.


11 e 12 ottobre 2019
Compleanno del Circolaccio Anarchico

Venerdì 11 ottobre

Ore 17.30 – Discussione: Venerdì senza futuro. Questa società non è in grado di evitare la catastrofe.

Negli ultimi decenni il mondo che ci circonda è divenuto un enorme campo sperimentale, un laboratorio per innovazioni tecnologiche e scientifiche che proseguono senza alcun riguardo verso le conseguenze sociali ed ecologiche, mentre senza sosta proseguono la distruzione e lo sfruttamento della terra. Dai discorsi di salvezza di chi mantiene le redini dell’apparato tecno-scientifico, apprendiamo che perfino per tali disastrose conseguenze avrebbero la soluzione: quella in grado di fare ricavare ulteriori profitti, riverniciando il capitalismo di verde e dichiarandone la sua piena «sostenibilità». Sostenibilità e rispetto per l’ambiente che vengono richiesti anche da chi propone i venerdì per il futuro, delle marce per chiedere ai potenti una politica più ecologica.
Un fatto su cui sono concordi tutti coloro che credono nelle sorti del progresso, è che la crescita e l’innovazione tecnologica potranno condurre ad un radioso futuro iper-tecnologizzato (perfino “rispettoso per l’ambiente”), ad un’epoca di «benessere» mai vista prima d’ora. Tralasciando per un attimo la retorica propria di simili affermazioni, una domanda sorge spontanea: dato che questa promessa è una sfacciata menzogna, che le innovazioni tecnologiche sono – letteralmente – pezzi di un mondo che ci vuole fare a pezzi e che una simile epoca, se vi sarà, sarà (ovviamente) ad esclusivo beneficio di chi esercita e mantiene il potere, cosa potrà fare chi non vorrà arrendersi all’affermarsi di tale realtà e che tenacemente vorrà opporvisi?

Ore 20.30 – Cena.
Ore 23.00 – Serata tekno con Beeffo + altri ospiti speciali.

Sabato 12 ottobre

Ore 13.00 – Pranzo.
Ore 14.00 – Discussione: Lo stato dell’arte dell’anarchismo.

In quali condizioni versano oggi l’anarchismo e, nello specifico, il movimento anarchico? Si potrebbe dire che il pensiero e l’azione anarchici, nell’epoca che stiamo attraversando, sono più attuali che mai, ma ciò non corrisponderebbe del tutto alla natura stessa dell’anarchismo. Poiché nascono dalla profonda convinzione che autorità e libertà sono incompatibili, le idee e le azioni anarchiche hanno una caratteristica unica: sono essenzialmente senza tempo, ma contemporaneamente si realizzano in spazi e tempi ben precisi, a seconda della determinazione e dell’iniziativa degli anarchici, attraverso azioni che rompano con il tempo del potere, un tempo che quest’ultimo vorrebbe farci sembrare ineluttabile, inevitabile, eterno.

Ore 17.30 – Discussione: Il Grande conflitto mediorientale. Ne parliamo con un compagno del circolo di origini iraniane.

E’ possibile un movimento rivoluzionario in Medio Oriente autonomo da tutti i governi e da tutti gli interessi in gioco? Come rilanciare l’azione internazionalista fuori da ogni fronte, da ogni campo che non sia quello della guerra degli sfruttati agli sfruttatori?

Ore 20.00 – Cena.
Ore 21.00 – Presentazione del libro “Dalle Apuane alle Green Mountains. Anarchismo ed anarchici tra Carrara e il Vermont (1888-1910)” (Edizioni Monte Bove, 2019). Presentazione a cura dell’autore, Gino Vatteroni. A seguire discussione.

«Quella che va Dalle Apuane alle Green Mountains è una storia corale, collettiva. La storia di centinaia di sfruttati, di anarchici, costretti dalla fame e dalle persecuzioni all’emigrazione. Sono sopratutto i quasi mille nomi che riempiono queste pagine i veri protagonisti. Gli emigranti, i perseguitati, gli operai. Quei cavatori e scalpellini che sono diventati combattenti e scrittori, che si sono innalzati, per usare le parole con cui l’autore intitola l’appendice, dalla subbia alla penna».

Ore 23.30 – Serata elektro con Roberto Valentini all night long + altri ospiti speciali.

Circolaccio Anarchico
viale della repubblica 1/A – quartiere S. Nicolò – Spoleto
e-mail: circolaccioanarchico[at]inventati.org

Firenze, 22.09.2019: Presentazione del libro “Dalle Apuane alle Green Mountains. Anarchismo ed anarchici tra Carrara e il Vermont (1888-1910)”

Firenze, 22.09.2019: Presentazione del libro “Dalle Apuane alle Green Mountains. Anarchismo ed anarchici tra Carrara e il Vermont (1888-1910)”

Venerdì 20, sabato 21 e domenica 22 settembre le Edizioni Monte Bove saranno presenti alla nona edizione della “Vetrina dell’editoria e delle culture anarchiche e libertarie”, a Firenze. In tale contesto, domenica 22 alle ore 10.30, a cura dell’autore, si terrà la prima presentazione dell’ultimo libro pubblicato dalle edizioni, “Dalle Apuane alle Green Mountains. Anarchismo ed anarchici tra Carrara e il Vermont (1888-1910)”, di Gino Vatteroni. L’iniziativa si terrà alla TuscanyHall (ex Obihall), in via Fabrizio De André, angolo lungarno Aldo Moro.

Tutte le presentazioni e le discussioni a partire dal libro verranno puntualmente segnalate nel sito internet delle Edizioni Monte Bove, quindi basterà consultare questo sito o prendere contatto con le edizioni per conoscere date e luoghi delle prossime iniziative.

*  *  *

Per presentarvi il testo che avete tra le mani questa volta partiremo dalla fine. Dalle novecentododici voci che compongono l’indice dei nomi. Una cifra che ci parla non solo della stazza monumentale dell’ultimo libro di Gino Vatteroni, della precisione storiografica e della ricchezza delle fonti, quanto di qualcosa di più profondo: quella che va Dalle Apuane alle Green Mountains è una storia corale, collettiva.
La storia di centinaia di sfruttati, di anarchici, costretti dalla fame e dalle persecuzioni all’emigrazione.
Non la storia del solito personaggio famoso. Dell’intrepido attentatore piuttosto che del “leader” che con la sua essenza fa ombra alle schiere di gregari, destinati all’anonimato storico. Certo, attraverso questo libro ritroviamo, approfondita e con degli spunti inediti, pezzi di storia più o meno nota dell’anarchismo che si intreccia con il passaggio nel Vermont di personalità come Errico Malatesta e Pietro Gori, Emma Goldam e Luigi Galleani – nonché col dibattito teorico generale, di allora come dell’oggi: la polemica fra organizzatori e anti-organizzatori, il dibattito appassionato sull’azione individuale.
Ma sono sopratutto i quasi mille nomi che riempiono queste pagine i veri protagonisti. Gli emigranti, i perseguitati, gli operai. Quei cavatori e scalpellini che sono diventati combattenti e scrittori, che si sono innalzati, per usare le parole con cui l’autore intitola l’appendice, dalla subbia alla penna.

440 pagine, 18 euro.
Per la distribuzione: 12 euro a copia.

Per richieste di copie fare riferimento alla e-mail: edizionimontebove[at]riseup.net

Spoleto, 26.07.2019: Giornata contro la guerra in Libia, contro i governi di Francia e Italia, contro Total, ENI e gasdotto Snam

Segnaliamo questa iniziativa:

Venerdì 26 luglio 2019
Giornata contro la guerra in Libia, contro i governi di Francia e Italia, contro Total, ENI e gasdotto Snam

Ore 9.00 – Volantinaggio presso il mercato di via Cacciatori delle Alpi (Spoleto).
Ore 20.30 – Cena.
Ore 21.30 – Discussione sulle politiche energetiche, sul gasdotto Snam e sulla guerra per procura che Italia e Francia combattono in Libia per mantenere gli sporchi affari di ENI e Total.

Da mezzanotte – Serata tekno
PTK aka Perfect Monkey (Psynergy Tribe) • Lebratz • Beeffo • Double Egg

Tutti gli appuntamenti dalla cena in poi si terranno al Circolaccio Anarchico (viale della repubblica 1/A, quartiere S. Nicolò, Spoleto).

e-mail: circolaccioanarchico[at]inventati.org

Gambulaga, 7.07.2019: Edizioni Monte Bove al festival “Distruggi la bassa” di Ferrara

Gambulaga, 7.07.2019: Edizioni Monte Bove al festival “Distruggi la bassa” di Ferrara

Quest’anno il festival “Distruggi la bassa”, che si terrà dal 5 al 7 luglio a Gambulaga (nei pressi di Ferrara), ha dedicato la giornata conclusiva, domenica 7 luglio, al mondo dell’editoria. E’ prevista la presentazione di tre libri, a partire dalla 15,30.

Di questi, due sono delle Edizioni Monte Bove: si tratta del libro “L’Asfalto sulla pelle” di Gennaro Shamano, collana bianca, e dell’opuscolo di poesie “Il cuore divelto” di Monica Rage à part, pubblicato nella collana Nero Caffè.

Cosenza, 22.06.2019: Presentazione del libro “L’asfalto sulla pelle” di Gennaro Shamano

Cosenza, 22.06.2019: Presentazione del libro “L’asfalto sulla pelle” di Gennaro Shamano

Un libro partigiano!
Un romanzo Punk!
Una storia nostra!

Saranno presenti l’autore, alcuni compagni delle Edizioni Monte Bove e della distribuzione anarchica Malacoda.

Ore 20.00: Cena vegan.
Ore 21.00: Presentazione e discussione.

A seguire concerto con:
PATH ATO
ROCKER RITZ

Presso lo spazio anarchico “LunAnera”, viale della repubblica 293, Cosenza.

https://fuoridallariserva.noblogs.org/

Viterbo, 25.05.2019: Presentazione del libro “Il cuore divelto”

Sabato 25 maggio 2019 – Viterbo.
Presentazione del libro “Il cuore divelto” di Monica rage à part (2019, Ed. Monte Bove).

Ne parliamo con l’autrice e con Michele delle Edizioni Monte Bove.

Dalle ore 16.00 presso Officina Dinamo (via del Suffragio 18, Viterbo).
Comitato di Lotta – Viterbo (e-mail: comitatodilottavt[at]gmail.com).

Spoleto, 24.05.2019: Giornata anti-elettorale

https://roundrobin.info/wp-content/uploads/2019/05/giornata-anti-elettorale-e1557730035905.jpgSegnaliamo questa iniziativa prevista nel mese di maggio:

Spoleto, venerdì 24 maggio 2019
Giornata anti-elettorale

Ore 9.30 al Mercato di via Cacciatori delle Alpi.
Banchetto, comizi volanti e materiali su astensionismo, repressione, gasdotto Snam, contro tutti i padroni (a Spoleto, in Umbria, in Italia e in Europa) e gli sgherri che li proteggono.

Ore 17.30 al Circolaccio Anarchico (viale della Repubblica 1/A, Spoleto).
Discussione: L’imbroglio elettorale. Fra euro-liberismo e nuovo nazionalismo.

A seguire…
Cena e Gran concorso Edizioni Monte Bove e Distro Malacoda… Brucia la tessera elettorale e ti regaliamo un libro… vincono tutte!

Circolaccio Anarchico, viale della Repubblica 1/A, quartiere San Nicolò, Spoleto.
E-mail: circolaccioanarchico[at]inventati.org

Bergamo, 7.06.2019: Presentazione del libro “I giustizieri” presso lo spazio di documentazione “La Piralide”

https://lapiralide.noblogs.org/files/2019/05/web-1.jpg

Bergamo, 7.06.2019: Presentazione del libro “I giustizieri” presso lo spazio di documentazione “La Piralide”.

Ore 19.30: Cena a buffet.
Ore 20.30: Presentazione del libro.

Spazio di documentazione “La Piralide”, via del Galgario 11/13, Bergamo.
E-mail: avvelenate[at]anche.no | Sito internet: lapiralide.noblogs.org

* * *

Da Giovanni Passannante a Gaetano Bresci, vent’anni di vendetta, individuale e di classe. Non solo una raccolta cronologica ed enciclopedica degli attentati anarchici alla vita dei tiranni che hanno terrorizzato i governi di fine Ottocento, ma anche un necessario approfondimento sul contesto economico, sociale e politico dell’Italia post unitaria, con uno sguardo anche sul novantaquattro francese. Una guerra a mano armata dichiarata da una minoranza di sfruttati allo Stato liberale. Quello stesso Stato che non si faceva scrupoli a torturare, incarcerare, confinare, cannoneggiare e soprattutto difendere una società nella quale milioni di contadini vivevano in una condizione spesso al di sotto della sussistenza e nelle metropoli gli operai venivano letteralmente consumati dalla nascente macchina capitalista. Ben prima del fascismo, la tanto osannata Unità d’Italia viene fondata sul sangue della gran parte delle popolazioni. Lo sfruttamento, fino alla morte, la repressione crudele, non sono esclusivo appannaggio di uno Stato totalitario o di una fase eccezionale della vita politica, bensì sono elementi fondativi di questo dannato Paese e di ogni forma di governo. Vorremmo che questo libro non rimanesse negli scaffali a prendere polvere, un feticcio da collezionare nel pantheon dello storico di professione o di diletto. Vorremmo che questo libro non rimanesse lettera morta. Che le gesta di questi indomiti compagni illuminino ancora, col loro esempio, la strada di chi non si rassegna allo stato di cose presenti.

[Edizioni Monte Bove, 2018. 248 pagine. Una copia: 10 euro. Per la distribuzione: 6 euro a copia].

Spoleto, 12.04.2019: Presentazione del libro “L’asfalto sulla pelle” di Gennaro Shamano

Ricordiamo ai nostri lettori dall’Umbria che venerdì 12 aprile ci sarà a Spoleto (presso il Circolaccio Anarchico in viale della Repubblica 1/a) la primissima presentazione del libro “L’asfalto sulla pelle” di Gennaro Shamano (Edizioni Monte Bove, 2019). Seguirà il concerto con Path, per concludere con dj Miss MUGWUMP.

Qui il link per ascoltare l’intervista di Gennaro Shamano a “Radio Bellone!!!” di martedì 9 aprile: https://www.spreaker.com/user/radiobell1/radio-bellone-10-4-2019

Qui, invece, il link per ascoltare l’ultimo album di Path, anche lui presente venerdì 12 aprile al Circolaccio Anarchico di Spoleto: https://www.youtube.com/watch?v=7Tug3kWQAN0&t=1888s

E-mail: edizionimontebove[at]riseup[dot]net
https://edizionimontebove.noblogs.org

8 e 9 marzo 2019: Primo compleanno delle Edizioni Monte Bove

8 e 9 marzo 2019
Primo compleanno delle Edizioni Monte Bove
Due giorni di dibattito, discussione e festa

Venerdì 8 marzo
Ore 16.00: dibattito sul congresso anarchico internazionale di Londra del 1881 e sull’attualità della propaganda col fatto. Ne discutiamo attraverso una lettura critica dei seguenti testi:
I Giustizieri. Propaganda del fatto e attentati anarchici di fine ottocento di Gino Vatteroni (Edizioni Monte Bove, 2018), capitolo IV (“Gli internazionalisti”).
Nazionalismoduepuntozero. Dodici ipotesi su robotica, crisi della globalizzazione e «ritorno» dello Stato-nazione (“Vetriolo”, n. 3, inverno 2019), ipotesi XI e XII.
Ore 21.00: cena e momenti ludici.

Sabato 9 marzo
Ore 16.00: dibattito sull’organizzazione anarchica a partire da una lettura critica della Piattaforma di Machno e Aršinov del 1926 (Edizioni Monte Bove, 2018).
Ore 21.00: cena e serata festante.

Tutti i giorni: discussioni su editoria anarchica e libertaria, attacco alla stampa anarchica e recenti operazioni repressive. Durante tutta l’iniziativa sarà presente una distribuzione di libri e pubblicazioni anarchiche.

Circolaccio Anarchico
viale della repubblica 1/a – Spoleto (Umbria).

e-mail: circolaccioanarchico[at]inventati.org
e-mail: edizionimontebove[at]riseup.net
sito internet: edizionimontebove.noblogs.org

[Qui il file pdf del manifesto dell’iniziativa].

Genova, 1.12.2018: Presentazione de “I giustizieri” alla Tattoo Circus del 1 e 2 dicembre

Ecco il programma dei due giorni:

Tattoo Circus Benefit Prigionieri/e. Genova, 1 e 2 dicembre.

Sabato 1 dicembre

Dalle 14.00 fino a sera: tatuaggi, piercing, massaggi e trattamenti osteopatici personalizzati.
Alle ore 18.00: Presentazione del libro I giustizieri. Propaganda del fatto e attentati anarchici di fine ottocento. Edizioni Monte Bove, con l’autore Gino Vatteroni.
Dalle 21.00: cena
A seguire djset.

Domenica 2 dicembre

Dalle 12.00 fino a sera: tatuaggi, piercing, massaggi e trattamenti osteopatici personalizzati.
Alle ore 14.00: Aggiornamento sul processo “Scripta Manent”.

Presso il Circolo Libertario Val Bisagno in Piazzale Adriatico, Genova.
In treno: dalla stazione Brignole, autobus 48 480 482 680.
In auto: uscita Genova est, procedere su SS45 fino a Piazza Adriatico.

Per informazioni e prenotazioni tatuaggi: spazio di documentazione e discussione Chelinse (e-mail: chelinse[at]autistici.org).

Spoleto, 17.11.2018: I tempi stanno cambiando

Sabato 17 novembre 2018
I tempi stanno cambiando

Ore 17.00: discussione
Le necessità energetiche dell’attuale sistema economico e il continuo sviluppo tecnologico richiedono e dettano le odierne condizioni di sfruttamento, accentuando il divario tra sfruttati e sfruttatori e generando l’attuale catastrofe ecologica. A quest’ultima il potere intende porvi rimedio attraverso la continua accelerazione dell’innovazione tecnologica, mentre ogni anno – a causa di guerre e catastrofi “naturali” – migliaia di persone sono costrette a lasciare i luoghi in cui sono nate per cercare altrove un posto in cui vivere. Esistono dei precisi legami tra le migrazioni, lo sviluppo tecnologico, l’apparato energetico, la distruzione della terra. Intendiamo riflettere su tali questioni prendendo in considerazione la complessità e le varie facce di queste ultime.

Ore 20.00: cena

Ore 22.00: concerto dei 22.08 (electro-garagekore da Lucca)
A seguire dj set NyMala a\e D.D (digital dub)

Circolaccio Anarchico, viale della Repubblica 1/a, Spoleto (Umbria)
e-mail: circolaccioanarchico[at]inventati[dot]org

Spoleto, 12.11.2018: Tra «tentazioni» capitaliste e assedio del «grande satana». Dibattito al Circolaccio Anarchico

Lunedì 12 novembre 2018
Tra «tentazioni» capitaliste e assedio del «grande satana»

Una notte di rivolta per il pane e la libertà. Un giovane rampollo della nuova, ricchissima borghesia iraniana. I nemici di sempre: Sauditi, USA, Israele. Gli interessi imperialisti regionali del regime degli ayatollah. L’ambiguità dell’Europa. Il capitalismo italiano in prima fila per la fine delle sanzioni. La nuova politica di guerra di Trump. Il mercato della droga. Il terrorismo sunnita contro la Repubblica Islamica e i suoi mandanti.
Cosa succede davvero in Iran? E’ possibile un movimento rivoluzionario in Medio Oriente autonomo da tutti i governi e da tutti gli interessi in gioco? Come rilanciare l’azione internazionalista fuori da ogni fronte, da ogni campo che non sia quello della guerra degli sfruttati agli sfruttatori?

Ne parliamo con un compagno iraniano.

Ore 17.30: dibattito.
Ore 21.00: cena.

Circolaccio Anarchico, viale della Repubblica 1/a, Spoleto (Umbria)
e-mail: circolaccioanarchico[at]inventati[dot]org

Calabria, 11.08.2018: Presentazione del libro “Poesie dialettali di lotta e di protesta – scritte dal 1985 al 1989”

Presentazione del libro Poesie dialettali di lotta e di protesta – scritte dal 1985 al 1989, di Domenico Salemme.

Sabato 11 agosto 2018

Per informazioni e dettagli scrivere alla e-mail: lunanera@mortemale.org

Domenico Salemme non è un poeta professionista – è un proletario e un anarchico calabrese che canta in questi versi concetti semplici, in primo luogo destinati ai suoi paesani di Grisolia (Cosenza): dallo sberleffo verso l’imbroglio elettorale e i suoi protagonisti alla denuncia delle condizioni di miseria in cui lo Stato e il capitale costringono i più poveri, dal dramma dell’emigrazione all’esperienza in carcere. Testi che spesso venivano letti durante i comizi degli anarchici, ciclostilati e distribuiti. Domenico ha deciso di pubblicare queste poesie perché quotidianamente gli vengono richieste. Pur se scritte negli anni ’80 si tratta di poesie del tutto attuali in quanto parlano di problemi che viviamo ancora oggi.

«Quantu dispiaceri e divisiuni creja l’immigraziuni
ma da sembri l’anu vulutu lu Statu e li patruni
»

Pisa, 15.06.2018: Presentazione de “I Giustizieri”

Presentazione de I Giustizieri. Propaganda col fatto e attentati anarchici di fine ottocento (Edizioni Monte Bove), con l’autore Gino Vatteroni.

Da Giovanni Passannante a Gaetano Bresci, vent’anni di vendetta, individuale e di classe. Non solo una raccolta cronologica ed enciclopedica degli attentati anarchici alla vita dei tiranni che hanno terrorizzato i governi di fine Ottocento, ma anche un necessario approfondimento sul contesto economico, sociale e politico dell’ Italia post unitaria, con uno sguardo anche sul novantaquattro francese. Una guerra a mano armata dichiarata da una minoranza di sfruttati allo Stato liberale. Quello stesso Stato che non si faceva scrupoli a torturare, incarcerare, confinare, cannoneggiare e soprattutto difendere una società nella quale milioni di contadini vivevano in una condizione spesso al di sotto della sussistenza e nelle metropoli gli operai venivano letteralmente consumati dalla nascente macchina capitalista.
Ben prima del fascismo, la tanto osannata Unità d’Italia viene fondata sul sangue della gran parte delle popolazioni. Lo sfruttamento, fino alla morte, la repressione crudele, non sono esclusivo appannaggio di uno Stato totalitario o di una fase eccezionale della vita politica, bensì sono elementi fondativi di questo dannato Paese e di ogni forma di governo. Vorremmo che questo libro non rimanesse negli scaffali a prendere polvere, un feticcio da collezionare nel pantheon dello storico di professione o di diletto.
Vorremmo che questo libro non rimanesse lettera morta.
Che le gesta di questi indomiti compagni illuminino ancora, col loro esempio, la strada di chi non si rassegna allo stato di cose presenti.

Venerdì 15 giugno alle ore 18 presso il Garage Anarchico di Pisa (Chiassetto S. Ubaldesca 44)

A seguire cena vegana

Cosenza, 12.05.2018: Presentazione delle Edizioni Monte Bove

Sabato 12 maggio 2018

Presentazione Edizioni Monte Bove e aggiornamento sulla lotta contro il gasdotto Snam

Le Edizioni Monte Bove sono un progetto editoriale collettivo portato avanti da alcune individualità libertarie provenienti da vari luoghi di lingua italiana. Al contempo, come indica il nome, hanno anche una identità locale forte: il Monte Bove è la montagna dei Sibillini, nelle Marche, dove nasce il fiume Nera. Coglieremo l’occasione della presentazione dei libri anche per chiedere ai compagni come procede la lotta contro il gasdotto Snam che, attraversando l’Appennino, passerà proprio dalla Valnerina. I compagni delle edizioni, infatti, sono presenti in questa lotta in maniera critica.

Ore 20:30 – cena vegan
Ore 21:30 – presentazione e discussione

Spazio Anarchico Lunanera
viale della repubblica 293 – Cosenza