Recensione a NEAPOLIS 2125 (da Blow Up, aprile 2021)

Gennaro “Shamano” Cozzolino
Neapolis 2125
Edizioni Monte Bove
p. 247, 10 €

Dopo l’esordio autobiografico di “L’asfalto sulla pelle” dedicato alla propria accidentata vita di strada, Gennaro Cozzolino, meglio noto come ‘o Shamano, cambia completamente registro immergendosi in un visionario steampunk ambientato, come da titolo, in una Napoli del secolo venturo. L’autore giura di aver progettato e scritto il libro in tempi precedenti l’avvento del virus pipistrellato e della conseguente reclusione: ne va ammirato di conseguenza lo sguardo lungo che rasenta la preveggenza.

Continue reading

È stato pubblicato il libro “Quale internazionale?” di Alfredo Cospito e molti altri

È stato pubblicato il libro “Quale internazionale?” di Alfredo Cospito e molti altri

È finalmente disponibile Quale internazionale?, che viene dato alle stampe poco più di un anno dopo la pubblicazione della terza parte dell’omonima intervista con il compagno imprigionato Alfredo Cospito all’interno del giornale anarchico “Vetriolo”. Questo libretto, curato da Alfredo stesso e dagli altri compagni redattori del giornale, è espressione di un appassionato percorso di approfondimento e analisi e allo stesso tempo un contributo conoscitivo e storico per l’anarchismo, un volume che auspichiamo possa implicare un vivo coinvolgimento con le idee anarchiche, richiamando l’attenzione di quanti hanno a cuore la distruzione di questo mondo imperniato sull’autorità.

Continue reading

Quale internazionale? Letture e dibattito internazionalista (Spoleto, 10.04.2021)

Quale internazionale? Letture e dibattito internazionalista

Sabato 10 aprile 2021

● Ore 17:00 – Letture e dibattito internazionalista a partire dal libro Quale internazionale? di Alfredo Cospito e molti altri…

● Ore 20:00 – Cena.

«La teoria per essere efficace deve nascere dalla prassi, non il contrario. Solo scontrandosi armi in pugno con il sistema possiamo costruire l’azione che ci permetterà di dotarci di quegli strumenti “organizzativi”, “informali” che ci consentiranno di contribuire in maniera forte a quella internazionale di cui sentiamo tanto il bisogno. Noi anarchici questa internazionale ce l’abbiamo nel sangue».

Circolaccio Anarchico, viale della repubblica 1/A, Spoleto.

Continue reading

Voi gli date vent’anni, noi gli diamo la parola. Cineforum e dibattito sul nucleare (20–21 marzo 2021, Spoleto)

VOI GLI DATE VENT’ANNI, NOI GLI DIAMO LA PAROLA

Sabato 20 marzo

• Ore 16:00 — Chernobyl cineforum. Proiezione delle prime due puntate della serie “Chernobyl”, di Johan Renck.

• Ore 18:00 — Dibattito sulla lotta contro il nucleare a partire da un intervento di Alfredo Cospito.

Continue reading

È disponibile “Terra d’amore e libertà. Grisolia, 22-23 luglio 2020. Atti del convegno anarchico”

È disponibile Terra d’amore e libertà. Grisolia, 22-23 luglio 2020. Atti del convegno anarchico

Questa pubblicazione è la trascrizione di alcuni interventi orali raccolti durante un convegno anarchico di due giorni tenutosi a Grisolia nel luglio 2020.

Quanto riprodotto qui su carta rispetta, fedelmente, la dimensione dell’oralità in cui le discussioni sono maturate. Il labor limae che ne è seguito non ha intaccato la spontaneità degli interventi, ma ha solo cercato di rendere più scorrevole, per il lettore, l’approccio al testo. L’iniziativa svoltasi nei giorni 22 e 23 luglio 2020, dal titolo “Terra d’amore e libertà, tra storie di lotta territoriale e tensione internazionalista”, ha avuto luogo nella piazza centrale di Grisolia con microfono aperto. Prezioso è stato il contributo logistico dei compagni presenti in loco per l’organizzazione delle due giornate. Gli argomenti affrontati sono stati i seguenti: la propaganda anarchica, la gestione degli archivi, delle biblioteche, della stampa antiautoritaria.

Continue reading

È disponibile la seconda edizione de “La Piattaforma di Machno e Aršinov fuori dal mito e dall’oblio” (Edizioni Monte Bove, 2020)

È disponibile la seconda edizione de La Piattaforma di Machno e Aršinov fuori dal mito e dall’oblio

È disponibile la ristampa di uno dei primi testi con cui abbiamo dato vita alle Edizioni Monte Bove, ormai quasi tre anni fa: La Piattaforma di Machno e Aršinov fuori dal mito e dall’oblio. A tutti gli effetti una seconda edizione (Collana rossa, 4) corretta e con un testo nuovo in appendice, “I due Ottobre” di Aršinov.

«L’anarchismo nacque, dunque, non dalle astratte riflessioni di un dotto o di un filosofo, ma dalla lotta diretta condotta dai lavoratori contro il capitale, dai loro bisogni e dalle loro necessità, dalla loro psicologia, dalle loro aspirazioni di libertà e di eguaglianza. […]. D’altra parte, l’anarchismo non è neppure in alcun modo il prodotto di generali aspirazioni umanitarie. L’umanità “una” non esiste. Ogni tentativo di fare dell’anarchismo l’attributo di tutta l’umanità, così com’essa si presenta oggi, di dargli un carattere genericamente umanitario, sarebbe una menzogna storica e sociale che condurrebbe inevitabilmente alla giustificazione dell’ordine attuale» (La Piattaforma, 1926).

«La pratica bolscevica degli ultimi dieci anni mostra chiaramente l’orientamento di questo potere, ogni anno si restringono un po’ più i diritti politici e sociali dei lavoratori, e gli sono strappate le loro conquiste rivoluzionarie. Non c’è dubbio che la “missione storica” del Partito Bolscevico si presenta vuota di significato e che cercherà di portare alla Rivoluzione Russa al suo obiettivo finale: il Capitalismo di Stato» (P. Aršinov, “I due Ottobre”, 1927).

Continue reading

Edizioni Monte Bove: In offerta i libri di Gennaro Shamano, “L’asfalto sulla pelle”, “Effetto notte” e “Neapolis 2125”

Sono disponibili in offerta i seguenti libri di Gennaro Shamano: L’asfalto sulla pelle, Effetto notte e Neapolis 2125.

È possibile richiedere i tre titoli al costo complessivo di 15 euro, spese di spedizione incluse.

Per richieste: edizionimontebove[at]riseup.net | Per consultare il catalogo: Catalogo.

Continue reading

È disponibile “NEAPOLIS 2125” di Gennaro “Shamano” Cozzolino

È disponibile la nuova uscita della Collana Bianca, NEAPOLIS 2125 di Gennaro “Shamano” Cozzolino. All’interno, i fumetti di Alcatraz. 248 pagine. 10 euro.

Una breve presentazione, dalla quarta di copertina:

Siamo nel 2125. A causa di uno strano virus non identificabile, i capi di governo del futuro, hanno deciso di recludere l’intera umanità in casermoni alveari, varando un decreto, chiamato “strade sicure”. Chiusi nei loro rispettivi appartamenti, come il resto della popolazione mondiale, i due giovani protagonisti della storia, Marco e Ivana, non hanno altra scelta che sopravvivere nella realtà virtuale, che mira oltre ad alienare le persone, persino a sottoporle ad un processo di disumanizzazione senza precedenti. Entrambi i protagonisti provano dei sentimenti sinceri, l’uno nei confronti dell’altra, nonostante non si siano mai visti dal vivo, ma soltanto sui social network. Stringersi la mano, restando faccia a faccia, non è neanche lontanamente pensabile nel futuro in cui vivono.

Continue reading

Tattoo circus benefit prigionieri. 30–31 ottobre e 1 novembre 2020 a Genova

TATTOO CIRCUS BENEFIT PRIGIONIERI/E

ATTENZIONE: L’INIZIATIVA E’ ANNULLATA E RINVIATA A DATA DA DESTINARSI.

30–31 ottobre e 1 novembre 2020 presso il Circolo libertario Val Bisagno di piazzale Adriatico a Genova. Benefit anarchici e anarchiche imprigionate nelle carceri dello Stato.

Venerdì 30 ottobre
— Dalle 18.00: Concerto rap con Impe e Cuffa.

Sabato 31 ottobre
— Tatuaggi dal mattino.
— Alle 17.00: «Contro la scienza e critica dell’esistenzialismo». Presentazione del libro La negazione radicale con l’autore M. Fabiani.
— Dalle 21.00: Musica con 22.08 (electropostpunk da Lucca) e Distrazione di massa (roc itagliano da Genova).

Domenica 1 novembre
— Tatuaggi dal mattino.
— Alle 15.00: Presentazione di “Bezmotivny”, quindicinale anarchico internazionalista.
— A seguire: Presentazione della ristampa anastatica de I grandi iconoclasti. Scritti postumi di Bruno Filippi a cura di Malacoda.

ATTENZIONE: L’INIZIATIVA E’ ANNULLATA E RINVIATA A DATA DA DESTINARSI.

Presso il Circolo libertario Val Bisagno in piazzale Adriatico a Genova.In treno: dalla stazione Brignole, autobus 48, 480, 482, 680.In auto: uscita Genova est, procedere su SS45 fino a piazzale Adriatico.Per informazioni: tattoogenova2020@libero.it

Continue reading

Pillole di saggezza sovversiva. Una recensione de “La negazione radicale”

Pubblichiamo una recensione del libro “La negazione radicale”.

PILLOLE DI SAGGEZZA SOVVERSIVA. CON QUALCHE INCIAMPO, INEVITABILE

Michele Fabiani, “La negazione radicale”, Edizioni Monte Bove, Spoleto (Pg), 2020.

Immaginiamo il dibattito elettorale degli ultimi lustri. La professoressa di sinistra con la «erre moscia» e il bullo televisivo delle nuove destre. Lei dice: «Vede cavo la vealtà è complessa». Al che lui fa: «Ma quale complessità, è tutta colpa degli immigrati!». Secondo voi, chi le vince le prossime elezioni?. Michele Fabiani, p. 8.

La saggezza a cui mi riferisco è quella nascosta dall’ideologia dominante che, come la religione e la scienza, ricorre all’Ufficio complicazione affari semplici (UCAS), gestito da filosofi, politologi, sociologi e compagnia cantante, per evitare che la miseria della sua essenza diventi evidente. E, come nella favola, un bimbo esclami: «Il re è nudo»! Continue reading

È disponibile la traduzione in greco di “Senza scrupoli, senza pietà contro padroni e governanti”, di Franco Di Gioia

È disponibile la traduzione in greco di “Senza scrupoli, senza pietà contro padroni e governanti”, di Franco Di Gioia

È disponibile la traduzione in greco del libro di Franco Di Gioia “Senza scrupoli, senza pietà contro padroni e governanti”. Siamo felici di poter ricordare il nostro compagno da poco scomparso continuando a diffondere le sue parole di libertà nel mondo.

È possibile scaricare il file a questo link: FRANCO DI GIOIA, ΧΩΡΙΣ ΤΥΨΕΙΣ ΧΩΡΙΣ ΟΙΚΤΟ.

Due giorni di editoria libertaria in Calabria: Terra d’amore e libertà. 22 e 23 luglio 2020 a Grisolia

Terra d’amore e libertà. Tra storie di lotta territoriale e tensione internazionalista, ricordando l’anarchico Franco Di Gioia. 22 e 23 luglio 2020 a Grisolia

Due giorni di editoria libertaria in Calabria incentrati sulla propaganda anarchica, la gestione degli archivi, delle biblioteche, della stampa antiautoritaria. Una discussione aperta e a più voci sullo stato attuale dell’anarchismo.

Mercoledì 22 luglio dalle ore 18.00

— «Il mio contributo per l’anarchia». Un ricordo di Franco Di Gioia ad opera dei compagni anarchici.
— «Riappropriazione dei mezzi per la stampa anarchica». Interviene Giovanni, un compagno di Carrara.
— «Il pensiero di Bruno Filippi». Discussione a partire da I grandi iconoclasti. Scritti postumi di Bruno Filippi, ristampa anastatica a cura della Biblioteca dello Spazio Anarchico Lunanera e della distribuzione anarchica Malacoda.
— Presentazione del Bollettino, n. 4, Biblioteca dello Spazio Anarchico Lunanera di Cosenza, maggio 2020.
— A seguire: Commento musicale dei 22.08. Continue reading

Terra d’amore e libertà. Tra storie di lotta territoriale e tensione internazionalista, ricordando l’anarchico Franco Di Gioia. 22 e 23 luglio 2020 a Grisolia

Terra d’amore e libertà. Tra storie di lotta territoriale e tensione internazionalista, ricordando l’anarchico Franco Di Gioia. 22 e 23 luglio 2020 a Grisolia

Due giorni di editoria libertaria in Calabria incentrati sulla propaganda anarchica, la gestione degli archivi, delle biblioteche, della stampa antiautoritaria. Una discussione aperta e a più voci sullo stato attuale dell’anarchismo.

Mercoledì 22 luglio dalle ore 18.00

— «Il mio contributo per l’anarchia». Un ricordo di Franco Di Gioia ad opera dei compagni anarchici.
— «Riappropriazione dei mezzi per la stampa anarchica». Interviene Giovanni, un compagno di Carrara.
— «Il pensiero di Bruno Filippi». Discussione a partire da I grandi iconoclasti. Scritti postumi di Bruno Filippi, ristampa anastatica a cura della Biblioteca dello Spazio Anarchico Lunanera e della distribuzione anarchica Malacoda.
— Presentazione del Bollettino, n. 4, Biblioteca dello Spazio Anarchico Lunanera di Cosenza, maggio 2020.
— A seguire: Commento musicale dei 22.08. Continue reading

Due parole d’anarchia. 29 e 31 luglio 2020 a Carrara

Due parole d’anarchia. 29 e 31 luglio 2020 a Carrara

29 luglio 2020. Presentazione delle ristampe anastatiche di 29 luglio 1900. Un fatto e di I grandi iconoclasti: Bruno Filippi, a cura della distribuzione anarchica Malacoda e della Biblioteca dello spazio anarchico Lunanera di Cosenza.

31 luglio 2020. Presentazione de La negazione radicale (Edizioni Monte Bove, 2020), discutendo il tema «pensiero forte e critica all’esistenzialismo», con l’autore Michele Fabiani.

Gli incontri si terranno alle ore 18.00 in piazza delle Erbe a Carrara. A seguire cena benefit per i compagni in carcere. Organizza il Circolo culturale anarchico Gogliardo Fiaschi. Continue reading

Carrara, 27.06.2020: Presentazione del libro “Dalle Apuane alle Green Mountains. Anarchismo ed anarchici tra Carrara e il Vermont (1888-1910)”

Carrara, 27.06.2020: Presentazione del libro “Dalle Apuane alle Green Mountains. Anarchismo ed anarchici tra Carrara e il Vermont (1888-1910)”

Sabato 27 giugno 2020, alle ore 17:30, a Carrara in via Ulivi 8/a, presso il Circolo culturale anarchico “Gogliardo Fiaschi”: presentazione del libro di Gino Vatteroni Dalle Apuane alle Green Mountains. Anarchismo ed anarchici tra Carrara e il Vermont (1888-1910).

Prendendo le mosse da un circoscritto avvenimento – i cosiddetti Moti della Lunigiana del gennaio 1894 – che ha indiscutibilmente influenzato e determinato l’ambiente politico e sociale carrarese negli anni a cavallo dei secoli XIX e XX, e che ha fortemente caratterizzato l’anarchismo apuano coevo, il presente libro analizza e studia il canale e la rete solidale transnazionale sviluppatasi tra il comprensorio apuano ed alcune località del Vermont – Barre, Montpelier, Proctor e Rutland – che permise a numerosi sovversivi carraresi, allontanatisi per motivi diversi dalla loro terra natia, di proseguire la propria vita ed attività politica in un ambiente affine sia da un punto di vista politico e culturale che sociale. Continue reading

Il diavolo a Grisolia

Il diavolo a Grisolia

L’ultima volta che ho visto Franco Di Gioia era a gennaio. La Calabria era accarezzata dalla neve e su Grisolia spirava un vento gelido. La casa di Franco, priva di termosifoni, era riscaldata solo dal camino. Il vento però ributtava dentro i fumi e la situazione in cui ci trovavamo era al limite dell’intossicazione. Dovevamo aprire regolarmente la porta, per ossigenarci, assediati dal freddo pungente e dal fumo, su due fronti. Mentre cercavamo di revisionare definitivamente il libro che abbiamo pubblicato con le Edizioni Monte Bove, io pellegrinavo tra fuori e dentro, cercando di alternare il sollievo per gli occhi e i polmoni a quello per il corpo. Franco invece era impassibile, davanti al camino, dava il suo contributo all’incendio accendendosi l’ennesima sigaretta. Questa è l’ultima immagine che ho di Franco, un diavolo di anarchico in una casa proletaria in un paese del meridione. Gennaio 2020. Continue reading

Un saluto per l’anarchico Franco Di Gioia

Un saluto per l’anarchico Franco Di Gioia

«Eppure per noi anarchici sarà sempre difficile farci capire. Noi non siamo un partito che va in parlamento o in televisione a spiegare le nostre idee. Non abbiamo tanti strumenti che ci consentono di fare propaganda, non abbiamo le televisioni, i grandi giornali, i mezzi finanziari, perché siamo un movimento di persone libere, di lavoratori, di disoccupati, di studenti e le nostre idee le propagandiamo con i pochi mezzi che abbiamo, e con i fatti» — F. Di Gioia

Ci ha lasciati il compagno anarchico Franco Di Gioia.
Fino all’ultimo è rimasto lucido e attivo, nonostante le difficoltà di salute che lo avevano portato ad ultime atroci sofferenze.
Fino all’ultimo ha contribuito al pensiero e all’azione anarchica con scritti chiari e sostegno incondizionato.
Franco è stato un proletario, un anarchico, un combattente per quell’ideale che continueremo a condividere con lui.
La porta della sua casa di Grisolia, sulla costa tirrenica cosentina, è stata sempre aperta a tutti quei compagni che sono venuti a trovarlo, anche da lontano, fino a poco tempo fa e per tutti quei proletari che si incontravano con lui.
Ci ha insegnato la semplicità della risposta rivoluzionaria in ogni situazione.
Con lui se ne va un pezzo di storia dell’anarchia; con noi resta la chiarezza del suo pensiero, la forza del suo carattere, la capacità di sentire l’ingiustizia e l’urgenza di saperla restituire, senza scrupoli e senza pietà, a chi l’ha generata.
Lo ricordiamo nelle sue lotte con i lavoratori di Grisolia, fra operai e non per gli operai, per il suo sostegno verso i prigionieri, per il gruppo anarchico di Grisolia, con la sede che dava sulla piazza, animata dai suoi comizi pieni di pathos e partecipazione, per i convegni anarchici del centro sud, per la sua partecipazione alle battaglie di Comiso, per la diffusione del pensiero anarchico in Calabria, per il suo entusiasmo, la sua autenticità, la sua umanità, come anche ci ricordano i compagni che hanno lottato con lui.

«Il mio contributo sarà sempre per l’anarchia» — F. Di Gioia

Anarchici
14/05/2020

Intervista e confronto con l’autore de “La negazione radicale”

Intervista e confronto con l’autore de “La negazione radicale”

Tratta dal sito di Malacoda, pubblichiamo un’intervista con l’autore del libro “La negazione radicale” (Edizioni Monte Bove, 2020). L’intervista è stata curata dalla distribuzione anarchica Malacoda ed è possibile ascoltarla a questo link: Intervista e confronto con l’autore de “La negazione radicale”.

È stato pubblicato il libro “La negazione radicale”, di Michele Fabiani

È stato pubblicato il libro “La negazione radicale”, di Michele Fabiani

Edizioni Monte Bove, Collana Nera – 1; p. 222, euro 10.

«Il positivo è negato dal negativo, e inversamente il negativo dal positivo; che cosa dunque è comune a tutt’e due e li domina? Il fatto di negare, di distruggere, di assorbire appassionatamente il positivo, anche quando questo cerca scaltramente di nascondersi sotto i tratti del negativo. Il negativo non trova la sua giustificazione se non essendo la negazione radicale».
— M. Bakunin

Gli «anni dieci» di questo secolo sono stati caratterizzati da una duplice rivolta del pensiero contro quello che per decenni è stato il vicolo cieco dello scontro tra scientismo ed esistenzialismo: da una parte, il dominio incontrastato della scienza, dall’altra la separazione ontologica, incolmabile tra l’esistente e un individuo alienato e destinato perennemente alla sconfitta. Una trappola quanto mai attuale in questi giorni. Questa riscossa della filosofia contro il pensiero debole ha avuto la forma inaspettata di un «ritorno a Hegel». Una risposta che non ci può bastare e che se resta tale rischia di farci piombare nella distopia di uno Stato forte o della sintesi liberale delle differenze.

Il presente libro ci propone allora di inaugurare gli «anni venti» appena iniziati in maniera tanto turbolenta dalla lettura che Bakunin fa di Hegel. Una dialettica disarmonica, dove la negazione è il vero motore della storia, la vera forza del cambiamento radicale. Uno scontro senza sintesi, senza conciliazione, dove la negazione nega ma non può essere negata.

Partendo dall’intuizione bakuniana della negazione radicale, le pagine che seguono ci propongono una originale filosofia della rottura, una filosofia che rivendica uno sfacciato riduzionismo di classe, il rigetto del pluralismo delle identità che viene tacciato di portare solo al contratto sociale. Una filosofia dove è una parte (gli oppressi) che risolve il tutto. Dove ciò-che-resta di tante sovrastrutture e determinazioni è la presenza pulsante di una materia viva. Continue reading